Monsanto-Bayer: la Terra nelle mani di tre super potenze

La quadratura del cerchio, questo rappresenta l’accordo tra Monsanto e Bayer, un sodalizio nell’aria ormai da mesi e che in questi giorni si è concretizzato a favore della multinazionale tedesca attraverso l’accorpamento di uno dei colossi del settore agro-chimico.
Uno dei colossi, perché quello tra Bayer e Monsanto è solo l’ultima di una serie di fusioni che hanno condotto alla costituzione di tre superpotenze tra multinazionali che puntano al monopolio del mercato dei semi, considerando anche gli accorpamenti tra DuPont e Dow
Chemical, e della Chem China che ha acquisito la svizzera Syngenta.
Cambia tutto, ma di fatto non cambia nulla, perché queste multinazionali (alle quali vanno aggiunte Basf e Cargill) lavorano insieme già da anni allo scopo di dividersi il marcato dei semi e, quindi, quello dei pesticidi. Perché è doveroso ricordare che la vera fortuna per
queste aziende è rappresentata dalla vendita di sostanze chimiche funzionali e necessarie alla coltivazione delle sementi geneticamente modificate prodotte e commercializzate da loro stesse.
Quella che è stata identificata come una resa da parte di Monsanto all’offerta miliardaria della Bayer in realtà rappresenta un’enorme affare per entrambe le multinazionali, funzionale proprio a semplificare la commercializzazione di semi geneticamente modificati anche in Europa.
Ma, contrariamente da quanto si possa pensare, Monsanto non ha mai rinunciato all’Europa, continuato in questi anni a condurre la sperimentazione di sostanze chimiche, come nel caso xylella, un batterio presente nel salento da oltre 20 anni, ma reso letale
dall’introduzione sul territorio, nel corso di un convegno, di pesticidi che hanno abbassato il sistema immunitario degli ulivi.
Fa scalpore, poi, e deve destare preoccupazione quanto si sta verificando a Latina, dove la giunta comunale ha nominato come assessore alle attività produttive, all’agricoltura, al commercio e al turismo Felice Costanti, farm manager presso la sede latinense di Monsanto Agricoltura Italia Spa. Come denunciato da Il Cencio ad inizio estate.
Una mossa strategica cara alla multinazionale che negli anni passati ha visto numerosi suoi e dirigenti investiti di cariche istituzionali da parte del governo degli Stati Uniti, il tutto per facilitare le operazioni di Monsanto in patria e all’estero.
Alla luce di questi fatti, l’accordo tra Monsanto e Bayer non deve esser visto come una resa da parte della multinazionale statunitense, ma un mezzo per estendere maggiormente i crimini commessi a livello ambientale, animale e sociale.
La resistenza espressa dal popolo di Malvinas in questi ultimi 4 anni, che lo scorso agosto ha portato alla rinuncia da parte di Monsanto di costruzione l’ennesimo stabilimento in Argentina, ha generato un precedente storico, tracciando la strada da seguire nella lotta a
questi colossi che possono essere battuti solo attraverso l’azione diretta dal basso.
La domanda, che vuole essere anche una provocazione, adesso è: saremo in grado di dare seguito all’impresa condotta dal popolo argentino?
Non esiste liberazione senza quella della Terra!

One thought on “Monsanto-Bayer: la Terra nelle mani di tre super potenze

Comments are closed.