T.P.P.: Tutto Per Pochi!

Attacco in gran segreto da parte delle principali lobby mondiali che stanno tentando di siglare un accordo con 12 importanti paesi che stringerebbe ancora di più il cappio attorno al mercato.

L’azione condotta, se andasse a buon fine, asfalterebbe la libera informazione sulla rete, limiterebbe le leggi in difesa del cittadino che dovrebbe sottostare alle condizioni dettate dalle multinazionali mirate unicamente ad incrementare i guadagni a discapito della salute globale.

Quello di cui stiamo parlando coinvolge ogni aspetto della vita: dal poter ottenere etichette maggiormente dettagliate e veritiere su ogni prodotto messo in commercio, alla libertà di poter acquistare un farmaco generico invece di uno commercializzato da multinazionali particolari, finanziando così i crimini di cui si macchiano.

L’allarme è stato lanciato da Avaaz su segnalazione di Wikileaks, di seguito riportiamo l’appello che abbiamo ricevuto in modo che possiate approfondire la questione, invitandovi a firmare e far girare il più possibile la petizione.

L’Accordo Transpacifico di Cooperazione economica (TPP) è un enorme patto, top secret, tra dodici importanti Paesi, che darebbe alle multinazionali un potere senza precedenti: fare causa, tramite dei nuovi tribunali internazionali, ai nostri governi, nel caso vengano approvate delle leggi in difesa dei cittadini ma che danneggiano i loro profitti! Dalle etichette OGM alla libera informazione in rete, questo patto influenzerebbe qualsiasi tematica. E’ stato svelato da Wikileaks e la protesta sta montando molto velocemente, ma i dodici Paesi si stanno affrettando per riuscire a firmare tra appena 24 ore.Questo accordo è semplicemente folle, ma c’è un possibilità per fermarlo: 3 nazioni sono indecise e se si tirassero indietro ora potrebbero affossarlo. Inondiamo di messaggi i leader di Cile, Nuova Zelanda e Australia, e chiediamo loro di resistere da ogni parte del mondo: solo così possiamo evitare questo enorme colpo di mano impedendo alla Monsanto di brindare a scapito della nostra salute.La bozza dell’accordo che è trapelata sembra una lunga lettera a Babbo Natale scritta dalle multinazionali: si creerebbe un cartello internazionale di enormi aziende che impongono il loro volere ai governi tramite un sistema di tribunali non esattamente “trasparenti”. Tribunali del genere potrebbero limitare l’accesso ai più economici farmaci generici, in favore di quelli più costosi con il marchio delle multinazionali, o addirittura permettere alle grandi industrie del tabacco di far causa ai governi per quelle leggi in difesa della salute che dal loro punto di vista danneggiano i loro profitti!

 

Wikileaks ha poi reso nota la lista delle multinazionali che compongono il TPP (da visionare e diffondere accedendo a questo link), tra le corporazioni presenti troviamo: Monsanto, Cargill, Chevron, Coca Cola, Apple, Kraft, Mars, IBM, Nike, Pfizer, P&G, Visa e molte altre.

Condividete, aiutateci a divulgare l’informazione pulita perché i grandi colossi mondiali possano essere fermati. ORA E SEMPRE RESISTENZA!