Paolo Pachino – YPG: “…il nemico è dietro la porta”

Pubblichiamo la trascrizione del contributo audio di Paolo Pachino, combattente YPG recentemente tornato in Rojava per difendere la rivoluzione in atto, ricevuto in occasione della serata benefit tenutasi lo scorso 6 aprile al Circolo Anarchico Bonometti di Brescia.
Il punto sulla resistenza ad Afrin, la situazione in Rojava, il prossimo obiettivo della Turchia e la conseguente mobilitazione delle unità YPG e YPJ, il ruolo dello stato italiano e della multinazionale Leonardo complici del regime oppressivo e della pulizia etnica condotta da Erdogan. Sono alcuni degli argomenti toccati da Paolo che ringraziamo per la sua disponibilità e sopratutto per quello che sta facendo affianco di altr* migliaia di compagni e compagne provenienti da tutto il mondo.

Ciao a tutti e a tutte compagni e compagne, mi chiamo Paolo Pachino e mi trovo in Rojava per la seconda volta in un anno e mezzo.
In un anno e mezzo sono certamente cambiate molte cose, sopratutto in ambito militare.
Se prima il nemico era l’Isis/Daesh, adesso ha cambiato solo nome e si è presentata la seconda faccia della medaglia, ciòè la Turchia che appoggia i gruppi jihadisti.
Come tutti ben sanno il 20 gennaio è partita l’operazione contro il cantone di Afrin.
La Turchia ha occupato il cantone di Afrin, ma nonostante l’occupazione militare la resistenza dei compagni e delle compagne continua.
Anche la tecnica di guerra da parte dello YPG è cambiata: non c’è più uno scontro diretto nel cantone di Afrin, ma una guerriglia, un mordi e fuggi per cercare di creare panico e scompiglio tra il nemico finché non va via.

Tra i gruppi che combattono l’invasione turca, oltre a YPG e YPJ, c’è anche l’International Freedom Battallion (presente ad Afrin e in Rojava), gruppi internazionalisti al cui interno vi sono anche formazioni dei partiti marxisti e lieninisti turchi, e numerose formazioni di compagn* anarchici/che.

C’è da dire anche che di questa guerra portata avanti nel cantone di Afrin non è complice solo la Turchia e i gruppi jihadisti, ma anche l’Italia con la Leonardo, che fabbrica le eliche e assembla gli elicotteri che ogni giorno bombardano i compagni e le compagne, apparecchi armati dalla teconologia fornita dalla Microtecnica: fabbrica che si trova nel centro di Torino e che produce i chip dei sistemi operativi.
Quindi l’Italia è complice e autrice di questo massacro che sta avvenendo nel cantone di Afrin.

La guerra che è scoppiata ad Afrin è uno dei motivi che mi ha fatto tornare, ma era già da molti mesi che ci pensavo, purtroppo non mi era possibile a causa dell’embargo che era stato importo al kurdistan iracheno.

Molti gruppi ancora resistono e combattono nel cantone di Afrin portando avanti delle pratiche di guerriglia.
Adesso si stanno preparando ad un possibile attacco da parte della Turchia nella citta di Manbij (Aleppo)che si trova oltre l’Eufrate, nella parte ovest.
L’eventualità di un attacco che è quanto uscito pochi giorni fa dopo l’incontro tra Iran, Russia e Turchia, in cui è stato dato il via libera ad Erdogan per attaccare Manbij e tutto il Rojava.
Quindi i compagni e le compagne sono pront* a resistere fino alla fine contro l’esercito turco cercando di non lasciare un centimetro agli invasori jiadisti capeggiati da Erdogan.

I compagni e le compagne difenderanno fino alla fine questa rivoluzione che ormai va avanti da 7 anni e che si basa sulle idee di Ocalan, leader del popolo curdo influenzato dal comunitarismo libertario di Bookchin.
Una rivoluzione il cui principio base è proprio la liberazione delle donne, la lotta al maschilismo, l’ecologismo, l’uguaglianza tra i popoli che i compagni e le compagne difenderanno dagli invasori che vogliono conquistare questi territori.
Infatti, uno dei principi fondamentali di questa rivoluzione, anche nello YPG, non è attaccare, ma difendersi, è quello dell’auto-difesa.

Oltre alla guerra e alla resistenza che si portano avanti qui in Rojava c’è la società civile, che nonostante tutto, i problemi che l’embargo imposto sia dal kurdistan iracheno che dalla Turchia, cerca di auto-organizzarsi e autogestirsi.
Come molti sanno la società civile è organizzata in piccoli comuni che sono la base portante della rivoluzione del Rojava.
Ogni comune ha i propri co-presidenti che sono sempre un uomo e una donna.
Ogni comune ha delle proprie commissioni interne (dell’agricoltura, dell’istruzione, medica, dell’alimentazione ecc.) che cercano di organizzare il fabbisogno delle famiglie.
In ogni quartiere ci possono essere dalle 2 alle 100 comuni ognuna delle quali autogestisce il proprio fabbisogno. La suddivisione dei beni in Rojava non avviene a percentuali uguali, ma suddivisa in base ai fabbisogni di ogni singola famiglia.
Una famiglia composta da 10 membri ottiene ciò di cui ha bisogno in base al numero dei suoi componenti, così come una composta da 4 le viene fornito il cibo in base al fabbisogno di 4 persone.
Poi c’è la realtà delle cooperative, nate un po’ a rilento sempre a causa della chiusura delle frontiere: in tutto il Rojava c’è ne sono 2 agricole più 2 dei saponi che producono per l’intera popolazione.
Per chi vi lavora viene suddiviso il fabbisogno in base a quello che serve ai membri della famiglia e il surplus viene rimesso all’interno della cooperativa stessa per cercare di ingrandirla, affinché possano lavorarci più persone possibili.
Qui in Rojava vale il discorso del comunitarismo ed è tutto molto più facile, c’è una società che vive di agricoltura e pastorizia con piccoli villaggi che si sono sempre autogestiti e auto-organizzati in cui lo stato non ha mai avuto grande influenza, quindi i compagni e le compagne hanno trovato un lavoro più facile da portare avanti.
Nelle città è un po’ più difficile, sopratutto in quelle appena liberate, in cui compagni e compagne affianco della popolazione creano consigli popolari operativi per comprendere come procedere con il lavoro organizzativo.
Noi come YPG, il braccio armato di questa società civile, non interagiamo al suo interno anche per una questione di sicurezza.
YPG e YPJ stanno il meno possibile nelle città, infatti molte basi sono al di fuori delle città in modo che se si subisce un attacco non ci vada di mezzo la popolazione e anche per non portare avanti un immagine di militarismo, proprio per non far percepire la presenza della guerra all’interno delle comuni.
Però attenzione, c’è da dire anche che se un YPG o una YPJ vuole partecipare all’interno della società, oppure vuole dare una mano, si può togliere l’uniforme e posare le armi quando vuole e far parte della società nelle varie strutture che organizzano la vita quotidiana.
All’interno dello YPG e YPJ si è liber* di scegliere quello che si vuole fare.
Io ho scelto di stare all’interno dello YPG proprio per lottare in prima persona sui vari fronti in difesa della rivoluzione, però fortunatamente ho avuto anche esperienze all’interno della società civile, come la prima volta che sono venuto in Rojava, mentre le altre ho deciso di far parte dell’unità di difesa.
Come in questo caso in cui ho deciso di tornare in Rojava, insieme ad un altro compagno di Varese, per far parte dello YPG per andare a Manbij: prossimo obiettivo dell’esercito turco che i compagni e le compagne sono pronti a difendere.

Un messaggio che ci sentiamo di lanciare qui dal Rojava è proprio quello che la guerra non si combatte solo in Siria, ma il nemico è in ogni parte del mondo.
Come in Italia e in Germania, e in altri paesi europei, perché le armi con cui vengono uccisi centinaia di migliaia di compagni e compagne (e sopratutto di civili) sono prodotte in Europa e USA.
Come gli aerei che bombardano compagni e compagne sono prodotti in Italia dalla Leonardo.
Il messaggio che cerco di mandare è quello di contrastare le fabbriche di armi con i mezzi che ognuno ritiene più consoni e appropriati, e di far pressione verso governi europei e stato italiano per evitare che queste armi vengano date alla Turchia, ma non solo.
Credo che bisogna lottare contro le fabbriche di armi non solo per un embargo contro la Turchia, ma per la loro immediata chiusura, cercando di non farle vivere in pace attraverso azioni di disturbo proprio per cercare di far capire che il nemico è dietro la porta e quando usciamo di casa, nello stato in cui viviamo, è subito di fianco a noi.
Portare alla luce queste contraddizioni, facendo capire anche a chi lavora li dentro che contribuiscono all’uccisione di migliaia di vite anche solo producendo queste armi.

Grazie per aver dato la disponibilità per questo contributo audio, spero di esser stato abbastanza comprensibile dai compagni e dalle compagne che stanno partecipando all’incontro.
Un saluto rivoluzionario dal Rojava, e spero che in Italia, così come in tutta Europa, continuino le azioni di disturbo come le centinaia che sono state portate avanti in questi due mesi per la resistenza di Afrin attraverso sabotaggi vari, che tirano su il morale e inceppano il meccanismo della guerra che ogni giorno produce morte e distruzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.