Hambachbahn: blocco del treno del carbone

Se ci porti via le case prendiamo la ferrovia del carbone

Lunedì 24 settembre, in risposta al violento sfratto in corso nella foresta di Hambach e mentre la polizia portava avanti lo sgombero del villaggio di Lorien, gli/le attivist* “esterni” (Hambis in Exile) hanno bloccato per 8 ore la linea ferroviaria utilizzata da RWE per il trasporto del carbone alle rispettive centrali elettriche a lignite. (video)
Ad appena 5 giorni dalla tragica scomparsa di Steffen, attivista giornalista deceduto lo scorso 19 settembre mentre documentava lo sfratto della treehouse di Beechtown, nel giro di 24 ore sono stati letti due ordini esecutivi di sfratto.
La tradizionale passeggiata domenicale all’interno della foresta, che nonostante la pioggia ha visto partecipare oltre 1000 persone, è stata accompagnata da una massiccia opera repressiva da parte della polizia, con una presenza stimata di un agente per ogni attivista. (viedo)gp
Con l’attacco ai villaggi di Tick-town e Kleingartenverein, la polizia ha ormai raggiunto ogni occupazione forestale, ma è stata sempre accolta da blocchi e una fitta presenza di attivist* sugli alberi.
Un gruppo di 5 persone ha resistito per ore chiuso a chiave all’interno della treehouse di Kleingartenverein, in solidarietà con Winter e Jazzy: attivist* arrestat* lo scorso 16 settembre e al momento detenut* nel carcere di Aquisgrana.
Ma mentre polizia ed emissari RWE venivano trattenuti in altre zone, attivisti hanno rioccupato lo storico villaggio di Oaktown.appello
Dopo il tentativo di sgombero del villaggio di Lorien, preso di mira già lo scorso venerdì, questa mattina la polizia, senza alcun rispetto verso l’accaduto, ha fatto irruzione in Beechtown minacciando la distruzione del memorial eretto dagli/dalle attivist* in omaggio a Steffen per permettere l’accesso ai macchinari funzionali alle operazioni di sgombero.

Beechtown memorial to Steffen

Beechtown memorial to Steffen

La resistenza prosegue, azioni diffuse e decentralizzate di disobbedienza civile sono state chiamate per le giornate del 30 settembre e del 6 ottobre prossimi.

VM

Fonte: Enough is Enough!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.