Il popolo di Hambach

Quella che la multinazionale energetica tedesca RWE sta tentando di convertire nel proprio personale reparto per l’approvvigionamento di carbone, è una delle ultime foreste primordiali della Terra, casa naturale di infinite specie animali e vegetali.33104578775_be444d9308_o
Dall’inizio della colonizzazione della foresta di Hambach, al fine di edulcorare le pratiche di deforestazione e l’allargamento della miniera di lignite (ad oggi la più grande d’Europa a cielo aperto), RWE non ha rinunciato alle più subdole strategie di greenwashing, proponendo pratiche protezioniste rivolte esclusivamente agli animali in via di estinzione.
Come la gita promossa dalla stessa multinazionale nel giugno 2018, che ha visto un centinaio di persone visitare una montagna artificiale di 200 metri dove RWE deporta, svendendolo come un salvataggio, intere comunità di topi nocciola (piccoli ghiri), strappati dal proprio habitat naturale per essere riassegnati altrove, in modo che servi e strumenti del capitalismo possano fare il proprio corso.
Mentre RWE promuove stili di nonvita artificiale, le oltre 60 case sugli alberi costruite dal novembre del 2012 ad oggi da chi si oppone alla distruzione di Hambach e lotta per la liberazione di ogni vivente, hanno spesso fornito riparo e sostegno agli storici abitanti della foresta. topi
Le treehouse (case sugli alberi), divenute il simbolo della resistenza per difendere la foresta di Hambach, oltre ad intralciare la pratica della caccia (molte torrette d’avvistamento sono state sabotate in questi anni), rappresentano anche l’ultimo baluardo contro la distruzione delle tane degli animali che ancora popolano la zona.
Come il raro pipistrello di Bechstein, le cui caverne ricavate negli alberi vengono periodicamente incollate o tappate con nastro adesivo dagli emissari di RWE allo scopo di impedire che l’animale “disturbi” le opere di deforestazione.tane pipistrelli
Bat Rescue: attivisti e attiviste che in questi giorni stanno girando per la foresta di Hambach a rimuovere il nastro adesivo che tappa le tane negli alberi, con animali imprigionati all’interno di esse e altri rimasti chiusi all’esterno.

Bat Rescue

Bat Rescue

Quando si afferma che la lotta di liberazione animale non può prescindere da quella della Terra e che quest’ultima rappresenta quella totale, non si sta esprimendo un’opinione, ma un dato di fatto.
Il concetto stesso di Liberazione è inauspicabile su una Terra dove miniere, allevamenti e monocolture prendono il posto delle foreste, plastica e sversamenti di sostanze chimiche soffocano le distese d’acqua, subordinando ogni vivente e la vita stessa al sistema di dominio imposto dal capitalismo.

VM

Support Hambi Resistance – Torino: 3 novembre 2018
Sostieni la Resistenza di Hambach e la lotta di Liberazione della Terra
Info e prenotazioni: 370 308 9431 (Ilaria)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.